top of page

Osteopatia e Ortodonzia

In questo articolo tratterò l'argomento: Ortodonzia e Osteopatia, cercando di spiegare perché è importante, quando ci si appresta a fare un trattamento ortodontico, abbinarlo all'osteopatia e quali possono essere i benefici che se ne ricavano.


Osteopatia e lavoro odontoiatrico

Il lavoro congiunto dell'osteopata e del dentista è necessario per eseguire un trattamento odontoiatrico o ortodontico , perché lavorano insieme.

  • La postura dipende (in parte) da una buona occlusione dentale. L'osteopata può facilmente mostrarti che un semplice foglio di carta per sigarette inserito tra le due mascelle cambia completamente il tono muscolare generale.

  • È quindi essenziale garantire un monitoraggio regolare da parte del proprio osteopata in caso di intervento odontoiatrico per garantire che i trattamenti non siano dannosi.

  • Al contrario, in alcuni casi l'osteopata deve rivolgersi al dentista per svolgere lavori che possono interferire con il pieno recupero di un paziente. Ad esempio, in caso di problemi ai denti, decongestionare definitivamente il muscolo psoas si rivelerà molto complicato.

Più in generale, finché l'occlusione dentale non sarà corretta, i trattamenti osteopatici non dureranno.

I muscoli, i legamenti, le articolazioni saranno in costante adattamento che li costringerà a contrarsi e ad allungarsi per compensare lo squilibrio posturale.




Occlusione dentale e osteopatia

Lavori odontoiatrici come il posizionamento di corone o estrazioni, ad esempio, possono modificare l'occlusione dentale. Il modo in cui i denti superiori combaciano con quelli inferiori non sarà quindi più ottimale.

  • In caso di spostamento, anche minimo, l'equilibrio posturale verrà modificato. A lungo andare, questo potrà portare a una serie di problemi che potrebbero essere facilmente evitati con un intervento osteopatico precoce.

  • Inoltre l'osteopata è in grado di risolvere problemi articolari della mandibola: l'ATM (articolazione temporomandibolare). Questa articolazione è facilmente palpabile, proprio davanti all'orecchio.

  • Pertanto, i clik mandibolari, gli offset, ecc. possono essere corretti, in osteopatia, intervenendo a livello dell'ATM. In alcuni casi, questo potrà permette di riequilibrare tutti i supporti dentali e di favorire il trattamento odontoiatrico.


Intervenire al più presto

Intervenire precocemente nei bambini è spesso fondamentale per correggere eventuali problematiche presenti ancor prima della comparsa dei denti. Il palato può davvero essere lavorato nei neonati. Inoltre, le deformità legate alla nascita possono successivamente portare a problemi dentali che possono essere prevenuti con un consulto di follow-up.

Allo stesso modo, una seduta di osteopatia può aiutare il bambino a smettere di succhiarsi il pollice, cosa che può rivelarsi importante per il futuro, perché certe deformazioni del palato e delle ossa del viso sono consequenziali alla suzione prolungata.

  • Per quanto riguarda la deglutizione infantile del neonato e del bambino, diventa patologica quando persiste per più di tre anni. È probabile, a lungo termine, che generi danni dentali molto significativi come mobilizzazioni e disturbi ATM.

  • Tramite l'osteopatia si tratteranno le prime vertebre cervicali (C0/C1/C2 o occipite/atlante/asse), associando un riequilibrio dell'osso ioide (a livello della gola).

  • Infine, l'osteopatia sarà particolarmente indicata nei casi di problemi legati all'ortodonzia .

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page