top of page

Fascite plantare



Da sempre dimenticati e accantonati, i piedi sopportano tutto il giorno il nostro peso e le nostre posture. Sono molto complessi e sono formati da 26 ossa, 16 articolazioni e 107 legamenti, che danno loro mobilità e ci offrono la stabilità necessaria per stare in piedi. Sono una delle parti più importanti del nostro corpo poiché costituiscono la base della nostra piramide corporea.


La Fascite Plantare è uno dei disturbi più comuni. Se è vero che alcuni gruppi sono più inclini a soffrire di questo disturbo, come le persone che praticano regolarmente sport, indossano scarpe con tacchi alti o suole lisce e morbide o hanno i piedi piatti, indipendentemente dall'attività fisica che svolgiamo e dalle calzature, esiste una parte di popolazione che ne soffre, soprattutto dall'età di 45 anni.

Le calzature non adeguate, come le infradito in estate, che poco o nulla si adattano alla fisionomia dei nostri piedi, sono una delle cause più comuni dello scatenarsi di questo problema.


La fascite plantare è dovuta ad un'infiammazione della fascia plantare* . La fascia plantare è il tessuto connettivo, simile a un legamento, che corre lungo la pianta del piede tra le estremità delle dita (metatarsi) e il tallone (calcagno) .




Costituisce una struttura di sostegno che ha la funzione di stabilizzare la volta plantare durante la deambulazione, sollevando l'arco del piede e il calcagno quando si stacca da terra, in modo che assorba l'urto evitando un eccessivo sprofondamento in fase di tensione al momento dell'appoggio appoggio del piede a terra.


La fascia plantare contribuisce a dare la forma ai piedi; se è lunga avremo un piede piatto, se è corta solleverà l'arco del piede presentando un piede cavo.


Nell'infiammazione della fascia plantare, si potrà avere un semplice disagio o un profondo dolore e rigidità nella parte inferiore del piede, interessando in particolare il bordo interno del tallone e la lunghezza dell'arco interno nella zona del mesopiede, raggiungendo livelli molto estremi quindi fino alla lacerazione dei tessuti colpiti.


Se la fascite plantare diventa cronica, il corpo può reagire per proteggersi creando calcificazioni della struttura infiammata, solidificandosi per evitare lacerazioni. Questa calcificazione si trova generalmente nel tallone ed è nota come "colonna vertebrale di Lenoir" o "Sperone Calcaneare".




Sintomi


La cosa più comune per sospettare la fascite plantare è notare dolore o una sensazione di bruciore sulla pianta del piede, come una puntura all'interno del tallone quando ci si alza al mattino o si inizia a camminare. A volte il dolore può raggiungere la caviglia e le dita dei piedi, diventando così doloroso che diventa insopportabile sopportare il peso del corpo sul piede colpito. Questi momenti di dolore molto localizzati sono dovuti alla retrazione subita dal tessuto durante il riposo.


Dopo aver camminato per un po', si può notare un miglioramento in quanto il tessuto si riscalda, ma riappare ogni volta che si riprende a camminare dopo un periodo di riposo (anche se breve).


Premendo sul tallone o estendendo la pianta del piede, allungando le dita verso di noi provoca anche dolore e ci avvertirebbe di una possibile fascite plantare.


Inoltre, possono comparire edema al calcagno e alterazioni del ritmo del passo, generando problemi in altre componenti del corpo seguendo uno schema ascendente; ginocchia, anche, bacino e tutta la colonna vertebrale, arrivando anche al cranio.


Se compaiono i primi sintomi della fascite plantare (come l'infiammazione) è consigliabile iniziare a curarla da soli prima di rivolgersi a un professionista, riducendo così al minimo i danni che si potrebbero produrre.


Minimizza l'infiammazione.


Per questo possiamo usare metodi semplici:


  • Usa freddo, rotolando una bottiglia di acqua ghiacciata con la pianta del piede. Si consiglia di farlo due o tre volte durante le prime 24 ore in cui si avverte il disagio. Il freddo conterrà l'infiammazione fino a un certo punto, evitando la rottura dei tessuti se l'infiammazione è molto acuta.

  • Allungamento dei muscoli che si inseriscono nel tendine di Achille.

  • Assunzione di antinfiammatori; se possibile naturale. Non andiamo a curare la fascite e a rovinarci lo stomaco.



Cause


La complessità strutturale del piede gli conferisce molta flessibilità e resistenza, permettendoci di effettuare un gran numero di movimenti, ma ogni faccia ha il suo rovescio e più un sistema è complesso, più è facile che qualcosa fallisca.


Per essere in grado di eseguire l'intera gamma di movimento correttamente e nella sua massima estensione, è importante che non vi siano restrizioni meccaniche sul piede. Se alcuni dei componenti del piede, siano essi ossa, tendini, legamenti o fascia, sono bloccati, il resto dell'insieme ne risentirà, causando diversi problemi.


Normalmente i blocchi che alterano la meccanica del piede hanno origine in altri sistemi di compensazione o step joint, per effetto della gravità e dei meccanismi di comfort a cui il nostro corpo si adatta.



Purtroppo è abbastanza comune, a causa di cattive abitudini che abbiamo assunto, che il piede presenti zone di continua tensione e attrito, che ne logorano la struttura. Nel caso in questione, la fascite plantare si è verificata quando abbiamo sottoposto il tallone a continue sollecitazioni, portando a micro-lacerazioni della fascia.



Tra le azioni dirette , per abitudine o necessità, che possono provocare la fascite plantare troviamo:


  • Passa molto tempo in piedi.

  • Posizioni forzate ripetutamente.

  • Eccessiva attività fisica o sportiva; soprattutto percorrendo lunghe distanze su terreni con superfici irregolari e molte pendenze.

  • Non allungare o farlo in modo inappropriato.

  • Uso di calzature inadeguate o difettose.


Tra le cause fisiologiche che possono provocare la fascite plantare troviamo:


  • Alterazioni dell'arco del piede (piatto o cavo) che generano eccessiva pronazione o supinazione.

  • Flessione limitata della caviglia.

  • Debolezza generale dei muscoli del piede.

  • Malattie concomitanti come; artrite, diabete, gotta...

  • Sovrappeso.

  • Debolezza del soleo ; Questo muscolo si trova sotto il polpaccio ed è responsabile della flessione della pianta del piede. Se per qualche ragione questo muscolo non svolge correttamente la sua funzione, il nostro corpo cercherà di sostituirlo modificando il ritmo e generando altri tipi di patologie.

  • Età; Con l'avanzare dell'età, la fascia plantare perde la sua elasticità. Inoltre, anche i muscoli che partecipano al movimento della caviglia e del piede perdono la loro forza e la capacità di rigenerazione diminuisce. Anche lo strato di grasso presente nel tallone diminuisce e smette di ammortizzare gran parte dell'impatto ricevuto dal piede, favorendo la comparsa di lesioni nella fascia.

  • Sforzo eccessivo sui polpacci e/o sul tendine di Achille ; La fascia plantare fa parte della catena miofasciale posteriore, cioè è una continuazione del tendine di Achille e dell'aponeurosi del gastrocnemio, del soleo e dei muscoli posteriori della coscia. Una tensione eccessiva o un sovraccarico muscolare a questo livello possono influenzare la pianta del piede a distanza.

  • Alterazioni o blocchi dell'articolazione sottoastragalica o metatarsale; possono influenzare la patologia perché sono una zona di inserzione diretta della fascia.

Inoltre, ci sono fattori nutrizionali che possono influenzare la fascite plantare, così come qualsiasi infiammazione che si verifica nel corpo. Ad esempio, un eccesso di proteine ​​di origine animale o il consumo di latticini generano uno stato di acidosi muscolare che contribuisce al perpetuarsi della fascite. O anche un deficit di elementi antiossidanti o acidi grassi polinsaturi che hanno un'azione antinfiammatoria nel corpo.




Trattamento osteopatico


Il nostro corpo è sottoposto a un'ampia varietà di forze che, se mal gestite, sono all'origine di squilibri articolari che finiscono per causare diversi tipi di patologie. Infatti, questi squilibri cominciano a prendere forma nella nostra giovinezza, perché la biomeccanica del nostro corpo si sviluppa durante l'infanzia e l'adolescenza, con fattori basati sullo stile di vita, posture scorrette e posizioni costantemente ripetute.



Ed è qui che la visione olistica dell'osteopatia è di grande aiuto, fornendo una visione più ampia quando si contemplano altre possibili cause, oltre a quelle ovvie. L'osteopata si adopererà per trovare la fonte del problema, per trovare lo squilibrio che ha causato la fascite plantare. Per fare ciò effettuerà un'analisi preventiva per rivedere la postura, le catene muscolari e fasciali che potrebbero aver generato la patologia o che ne sono state colpite. Esaminerà anche le possibili alterazioni funzionali di alcune strutture viscerali che hanno un'innervazione comune alla fascia, o all'area gastrocnemio e soleo , come la vescica, l'intestino, i reni o l'utero.



Sebbene il miglioramento dei sintomi sia solitamente rapido, ed è evidente fin dalle prime sedute con l'osteopata, il recupero completo dalla fascite plantare può essere lento, con un periodo di recupero che va dai 3 ai 18 mesi. È importante continuare il trattamento fino alla scomparsa del dolore. Se il trattamento viene iniziato nelle prime 6 settimane, la prognosi migliora e si evitano le ricadute.



In osteopatia il trattamento diretto consiste in due misure relativamente semplici:

  • l'applicazione di manovre antinfiammatorie

  • l'esecuzione di esercizi di stretching per l'intera muscolatura del piede, caviglia, gamba e coscia.

A volte, quando altre strutture sono state danneggiate, è necessario eseguire manovre di rilascio articolare per ripristinare la mobilità.



Molto utile è anche l'applicazione di bende che trattengono il piede, assicurando che venga usato correttamente senza compiere alcun movimento ripetitivo che aggravi la lesione, in quanto per proteggere la zona lesa, camminando si tende a calpestare in modo diverso, assecondando il peso su altre aree che alla fine ne risentono anch'esse.



Come ultima risorsa, se il danno è molto esteso e grave, si ricorre alla chirurgia.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page